MicroSuono
 
L’evoluzione della sintesi del suono ha sempre avuto un forte legame con quelle macchine capaci di emettere suoni, come sistemi meccanoacustici, elettromeccanici, elettro-ottici, elettronica analogica, o digitale. Lo stato attuale della tecnologia musicale deve ringraziare una serie di sperimentazioni in laboratorio, e godendo di queste eredità, vogliamo rivisitare il passato e tentare di recuperare una serie di concetti fondamentali per la sintesi del suono.
 
 Prima degli anni '50, quasi tutti gli strumenti erano stati concepiti per esecuzioni dal vivo. Dopo il 1950, la tecnologia della registrazione sonora ha modificato la natura della musica elettronica, sfociando nell'era della musica da studio basata su nastri magnetici. Gli strumenti elettronici sviluppati prima del 1950 rappresentano l'approccio di sintesi orientato sul concetto di onda, concezione opposta al concetto di quanto acustico. Nella seconda metà degli anni '40, gli esperimenti di Gabor segnarono l'inizio di una nuova era nel mondo della sintesi sonora.
 
Affronteremo, in linea generale, l'antico dibattito filosofico che esisteva tra il concetto di onda sonora e particella sonora. Affronteremo brevemente anche la storia moderna della sintesi microsonora, partendo dall'era dei dispositivi elettronici analogici, fino ad arrivare all'era informatica.
SINTESI GRANULARE
giovedì 14 ottobre 2010
Qui puoi scaricare il testo in formato PDF per una facile consulta
clicca qui per scaricare
Qui troverai i file necessari per ascoltare il mio primo omaggio all’impulso (basato su una scansione temporale impulsiva costante (in riferimento alla sorgente sonora numero 11 della teoria temporale descritta da Stockhausen)) - (codice per SuperCollider)
clicca qui per scaricare